MASTOPESSI

Stampa

mastopesilifting del seno

La mastopessi, o lifting del seno, è una tipologia di intervento di chirurgia estetica molto diffuso. La sua finalità è quella di sollevare e modellare seni cadenti e di modificare, eventualmente, la forma e le dimensioni dell’areola del capezzolo.

QUALI RISULTATI PUÒ GARANTIRE LA MASTOPESSI?

Il seno, con l’avanzare dell’età e soprattutto dopo l’allattamento, tende a perdere la forma e la tonicità originaria. Con la mastopessi il seno riacquista tono e forma. Si tratta di un intervento che si presta maggiormente nei casi di seni piccoli e cadenti. I risultati, solitamente stupefacenti, sono durevoli nel tempo a patto che non ci siano successivi ingrassamenti e dimagrimenti di una certa entità.

CI SONO RISCHI O COMPLICAZIONI NELLA MASTOPESSI?

L’intervento di mastopessi è, in se, relativamente semplice e in grado di assicurare, nella quasi totalità dei casi, dei risultati assolutamente soddisfacenti. Non esistono rischi particolari quando l’intervento viene eseguito all’interno di strutture autorizzate e dotate delle migliori attrezzature. Talvolta, dietro a prezzi particolarmente invitanti, si celano situazioni non altrettanto rassicuranti sia sotto il punto di vista professionale che dell’igiene ed efficienza della struttura in cui viene effettuato l’intervento. Problemi di eccessiva o scarsa sensibilità del capezzolo, infezioni o  simili sono altrettanto rari, soprattutto se l’intervento viene eseguito in una struttura igienicamente sicura, da professionisti esperti e rispettando le direttive del medico prima e dopo l’intervento, come ad esempio limitare il fumo.

A CHE ETÀ È POSSIBILE SOTTOPORSI ALLA MASTOPESSI?

L’unico limite di età per potersi sottoporre a questa tipologia di intervento è dato dal completamento dello sviluppo corporeo, che si raggiunge comunque prima dei 20 anni. E’ sempre meglio, comunque, attendere il periodo post allattamento nel caso in cui si stia pianificando una gravidanza.

IN COSA CONSISTE LA VISITA PRE-INTERVENTO?

Dopo aver valutato lo stato di salute della paziente e aver verificato le analisi precedentemente effettuate, soprattutto riguardo la funzionalità cardiaca, coagulazione e cicatrizzazione, si procede all’analisi morfologica del seno. In questa seconda fase il chirurgo valuta con la paziente le attuali dimensioni del seno, dell’areola e del capezzolo e le possibili alternative possibili garantite dalla chirurgia estetica. Il seno viene misurato e viene indicata alla paziente la soluzione più adatta alla sua specifica problematica. La mastopessi, nel caso in cui il seno non sia piccolo, spesso deve essere abbinata a una mastoplastica riduttiva. A questo punto vi sono le normali raccomandazioni in merito all’alimentazione e allo stile di vita.

ANESTESIA, DURATA DELL’INTERVENTO E DEGENZA

Questa tipologia di intervento viene prevalentemente effettuata in anestesia totale, con una degenza di 2 o 3 giorni. Piccoli interventi di mastopessi possono anche essere effettuati in anestesia locale con opportuna sedazione: in ques’tultimo caso la paziente resta sveglia, ma insensibile al dolore e completamente rilassata. In questo caso l’intervento viene effettuato in day ospital. La durata dell’intervento è di circa 2-3 ore. 

LA PROCEDURA DI INTERVENTO

A seconda della tipologia di intervento e di riduzione, le incisioni possono essere fatte in diverse posizioni del seno. Per le piccole mastopessi è sufficiente incidere la zona intorno all’areola, mentre per mastopessi di maggiore entità è necessario effettuare una doppia incisione, che parte dall’areola per scendere fino al solco sottomammario e lungo tutto il solco sottomammario stesso in modo da formare una T rovesciata. Queste incisioni lasciano cicatrici permanenti che, però, non risultano visibili con il reggiseno indossato.

 

01-mastopesi 01-mastopesi
Fig.1 Seno cadente e ptosico. Fig.2 Disegno pre-operatorio.
01-mastopesi 01-mastopesi
Fig.3 Incisioni. Fig.4 Risultato e cicatrici.

IL DECORSO POST OPERATORIO

E’ previsto un periodo di 48 ore di completo riposo post intervento, durante le quali compariranno logicamente ecchimosi e gonfiore. Già dal terzo giorno è possibile riprendere la normale routine quotidiana, evitando comunque sforzi, esposizione al sole e trattamenti estetici come lampade abbronzanti o sauna. Dopo circa 3-4 settimane dall’intervento, progressivamente, è possibile riprendere tutte le attività, anche quelle sportive.

INTERVENTI CHIRURGICI ESEGUIBILI INSIEME ALLA MASTOPESSI

Alla mastopessi possono essere abbinati interventi di chirurgia estetica non eccessivamente invasivi e a seconda dei casi.